FAL: concorso sospetto

Concorsi alle FAL

Potenza -

Come è noto, a seguito di un documento della scrivente Organizzazione Sindacale,   con il quale si denunciavano vizi di legittimità e scarsa trasparenza nel bando, il Consiglio di Amministrazione delle FAL srl con Delibera del 16.02.2017 decideva di annullare il bando di concorso pubblicato in data 15.07.2016 per un posto di “ Responsabile Unità Tecnica Complessa ”.

A distanza di pochi mesi le FAL srl hanno pubblicato un altro bando di concorso, questa volta per la copertura del posto di “ Responsabile Unità Complessa Personale “.  Come  il  precedente,  anche quest’ ultimo presenta molteplici aspetti di  illegittimità e addirittura di incostituzionalità, tanto da apparire costruito su misura per essere aggiudicato a qualche soggetto già individuato.

Si tratta del seguente concorso   “AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER UN POSTO DI RESPONSABILE UNITA’ AMMINISTRATIVA COMPLESSA – parametro 250” , Bari 07/04/2017.

Questa O.S. USB chiede che detto concorso,  simile al precedente, venga  ANNULLATO per le seguenti motivazioni:

 1) preclude la partecipazione ai dipendenti dell’ azienda FAL srl, anche se in possesso dei titoli richiesti, violando l’ art. 3 della Costituzione  (principio di uguaglianza di tutti i cittadini) e la sentenza della Corte Costituzionale n. 149/2010 che salvaguarda il consolidamento delle pregresse esperienze lavorative maturate nella stessa Amministrazione;

2)  viola l’ art. 97 della Costituzione, secondo il quale ai pubblici concorsi non sono ammesse “ arbitrarie e irragionevoli forme di restrizione dei soggetti legittimati a parteciparvi “  (sentenza Corte Costituzionale n. 34/2004);

 3) viola il principio di “ ragionevolezza, imparzialità e buon andamento della pubblica amministrazione “ secondo il quale si può ricorrere all’ esterno quando non ci sono risorse interne in possesso dei titoli richiesti “;

 4) viola le norme sul contenimento della spesa pubblica, perché tra i dipendenti delle FAL srl sono decine di soggetti in possesso dei titoli richiesti dal bando e quindi questa  assunzione rappresenta un inutile aggravio nel costo del personale .

In ultimo  desta molto stupore  che, per la copertura di un posto di “ Responsabile del Personale “ ,non siano stati richiesti titoli di specializzazione universitaria, Master universitari o Dottorati di ricerca, bensì  è richiesta una semplice laurea triennale  e  cinque anni di servizio  in  enti  o  aziende  di trasporto. Ancora più assurdo ,quindi, appare il divieto di concorrere ai soli dipendenti FAL ,anche se con maggiori anni di esperienza nel settore: il sospetto che si voglia favorire qualcuno è grande !

                Alla luce di quanto sopra esposto, si diffidano le FAL srl a voler  annullare il bando di concorso in oggetto, avvertendo che in caso contrario la scrivente O.S., a difesa dei principi di giustizia e uguaglianza, impugnerà il medesimo nelle sedi  competenti. 

Distinti saluti

 

per Federazione USB Basilicata
Rosalba GUGLIELMI